Ristoranti Vicino Perugia Ristoranti Perugia e dintorni Ristoranti provincia Perugia Osterie Perugia Hotel

Ristoranti Vicino Perugia
Ristoranti Vicino Perugia       your friendly hotel in Umbria
Enoturismo

Ristoranti Vicino Perugia

Ristoranti Vicino Perugia Le eccellenze e le tradizioni enogastronomiche contraddistinguono da sempre l’Umbria, che è terra di profumi e sapori che si perdono nella storia. Tra queste eccellenze, il vino (insieme anche all’olio) è sicuramente una delle migliori espressioni della nostra fertile terra, che ci piace condividere con chi viene a visitarci.  

Dalla pubblicazione “L’Olivino – Cultura del vino, della vite, dell’olio e dell’olivo” – 2012:
“ Le condizioni oggettivamente favorevoli per la coltivazione della vite in Umbria hanno fatto sì che sin da tempi antichissimi, le popolazioni che abitavano queste terre, si dedicassero alla produzione di vino.
Numerosi ritrovamenti archeologici testimoniano come gli Etruschi e gli Umbri, che occupavano rispettivamente la parte destra e sinistra del fiume Tevere, fossero dediti alla viticoltura ben prima dell'arrivo dei Romani. Anche se il primo vero impulso forse arrivò con Roma. Infatti è dalla zona di Orvieto, ancora oggi una delle più interessanti realtà produttive umbre, che giornalmente partivano carichi di vino destinati al mercato romano in particolar modo destinati alla corte dei Papi. La vite veniva allevata con il sistema del tutore vivo (vite maritata), ovvero sostenuta da un albero, in genere olmo o acero campestre. Grazie a questo sistema i tralci, invece di essere potati, cadevano liberamente verso il suolo.
Ancora oggi non è difficile riconoscere eredità romana in qualche vecchia alberata, dove l'olmo potato a coppa (in Umbria si chiama "stucchio") sorregge la vite, alternato a piante di olivo.
Sin dai tempi antichi la viticoltura nella nostra regione ha conservato fino a qualche anno fa un aspetto decisamente tradizionale con una prevalenza della coltura promiscua, ma oggi gli impianti sono decisamente più razionali, convertiti in monocultura.
Recentemente, grazie alla rivalutazione dei vitigni autoctoni, le tecniche si sono andate sempre più perfezionando puntando, nella maggior parte della regione, alla valorizzazione dei vitigni tradizionali.

  Questi alcuni dei più importanti vitigni autoctoni a bacca bianca e a bacca rossa:  
  • Grechetto: vitigno autoctono che seppure nel nome ricorda le uve provenienti dalla varietà Greco, è diffuso in tutta la regione ed è spesso prodotto in purezza. Nella zona di Todi, il suo adattamento nei secoli ha contribuito alla nascita di una varietà autoctona nominata Grechetto di Todi.
  • Verdello: varietà piuttosto produttiva e presente nell’orvietano.
  • Drupeggio: anch’esso presente soprattutto nella zona dell’orvietano.
  • Trebbiano: anche in Umbria riveste un ruolo da protagonista e in taluni casi si è ambientato dando vita al Trebbiano perugino e al Trebbiano spoletino.
  • Procanico: è il nome dato, nella zona di Orvieto, al Trebbiano.
  • Malvasia: presente in quasi tutta la regione, nella zona dell’amerino è vinificato in purezza.
  • Sagrantino: vitigno autoctono coltivato a Montefalco dove si produce uno dei vini rossi italiani più apprezzati del momento.
  • Sangiovese: il re dei vitigni italiani, anche in Umbria è alla base di quasi tutte le denominazioni e talvolta è prodotto in purezza.
  • Ciliegiolo: in genere destinato a produrre vini giovani e profumati, nella zona del ternano risulta particolarmente diffuso e apprezzato con il nome di Ciliegiolo di Narni.
  • Gamay del Trasimeno: lontano parente della varietà internazionale nata in Francia, il “Gamay del lago” ha caratteristiche molto diverse dal suo omonimo d’oltralpe.”

All’interno della nostra regione esiste una miriade di percorsi e itinerari che si snodano lungo le nostre Strade del Vino, che sono ben quattro:
Le  Strade del Vino sono una realtà di tutela e valorizzazione delle aree vitivinicole che, attraverso il recupero delle tradizioni rurali, salvaguardano il patrimonio socio-enogastronomico del territorio.
Le Strade del Vino animano i 'distretti rurali', valorizzando oltre al vino le altre produzioni tipiche e di qualità, senza dimenticare  arte, ambiente, cultura ed artigianato artistico.
Grazie a queste associazioni potrete conoscere l’Umbria anche attraverso i frutti della terra e la produzione di vini d’eccellenza: le varie Strade, come già detto, organizzano tour e viaggi enogastronomici con degustazioni di vini e prodotti tipici locali.

Il Movimento Turismo del Vino, nato nel 1993, è un'associazione no profit che annovera circa 1000 fra le più prestigiose cantine d'Italia, selezionate sulla base di specifici requisiti. Primo fra tutti, quello della qualità dell'accoglienza enoturistica. Con il suo impegno costante il Movimento Turismo del Vino mira ad accrescere il settore enoturistico nazionale, che rappresenta una risorsa economica fondamentale per lo sviluppo dei territori ed un efficace strumento per la tutela dell’ambiente. Anche in Umbria è presente il Movimento Turismo del Vino, che consta di ben 61 cantine associate e del Coordinamento delle strade del vino e dell’olio dell’Umbria.

Anche sul sito www.mtvumbria.it potrete trovare tanti spunti per itinerari e visite, sempre legati al vino e al suo territorio.   


Ristoranti Vicino PerugiaMUVIT – Museo del Vino (Torgiano)

Nato da un’idea di Giorgio Lungarotti e curato dalla moglie Maria Grazia Marchetti, situato nel seicentesco palazzo Graziani Baglioni, nel centro di Torgiano, costituisce una meta imprescindibile per quanti – amanti dell’arte, della cultura e del buon vivere – desiderino conoscere e approfondire la storia e la civiltà del vino.
Con l’incanto delle sue collezioni e il rigore della ricerca storica e dell’impostazione museografica, il Museo del Vino contribuisce alla diffusione di una cultura per il consumo consapevole del vino.
In 20 sale sono esposti oltre 2.800 manufatti di archeologia, ceramica, grafica, editoria antiquaria e altre testimonianze di arti minori che documentano la centralità del vino nella cultura mediterranea, la sua cultura, la sua storia, il suo rapporto con l’alimentazione, la farmacia, il mito, a partire dal III millennio a.C. fino ai nostri giorni.
Il materiale è esposto per aree tematiche. La visita inizia con una carrellata sulle origini mediorientali della viticoltura, e sulla sua espansione nel bacino del Mediterraneo (I sala). Sono quindi presenti vari reperti archeologici, che vanno dall’età del bronzo all’età tardo-antica, tra i quali una kylix attribuita al Pittore di Phrynos, del gruppo dei Piccoli maestri.
Nelle sale successive (dalla II alla VIII) vengono illustrate le tecniche vitivinicole in voga nell’Umbria. Il ciclo annuale viticolo e le tecniche tradizionali di esecuzione sono documentati da una notevole serie di attrezzi ed arnesi da lavoro. Molto ricca è anche la parte che illustra le occasioni ed i luoghi del bere. Nel seminterrato del palazzo è ospitata una grande sala dedicata alla vinificazione, che accoglie grandi torchi, distillatori, un calderone, un’imbottigliatrice, olle di terracotta. Una saletta (VI) illustra le varie fasi di lavorazione del “Vino Santo”, vino passito che in Umbria accompagna per antica tradizione le ricorrenze festive del calendario familiare. Segue una sala (VII) in cui vengono ricordati i vari mestieri collegati alla viticoltura (bottai, bigonciari, fabbri, funari, cestari, ecc.), con una cospicua collezione di attrezzi. Dopo una sala dedicata alla regolamentazione del tempo di vendemmia, dell’uso e del commercio del vino (VIII), si passa a due locali dedicati specificamente all’artigianato e alla viticoltura a Torgiano (IX-X).

Nelle sale successive (XI-XV) l’attenzione si concentra su una vasta raccolta di antichi contenitori vinari in ceramica, originari delle più famose zone di produzione italiane. La classificazione tematica suddivide le ceramiche esposte nei tre settori del “vino come alimento” (misure, bottiglie, ecc.), del “vino come medicamento” (versatoi, albarelli, unguentari da farmacia, mortai, vasi farmaceutici), del “vino e il mito” (istoriati, tra i quali opere di Mastro Giorgio Andreoli, plastici, tra cui un notevole busto di Bacco attribuito a Girolamo Della Robbia, decori simbolici, legati in buona parte alla personalità enigmatica di Dionysos/Bacco).
In una sala successiva (XVI) è poi possibile ammirare un’importante collezione di ferri da cialda, utili alla preparazione di sottili biscotti che solitamente accompagnavano l’offerta di Vin Santo.
Segue una ricca collezione di incisioni e di disegni a tema dionisiaco (XVII), composta da circa 600 opere tra le quali compaiono incisioni di Mantegna, Carracci, Guttuso e Picasso. Dopo una sala dedicata agli ex libris in argomento (XVIII), la visita si conclude con l’esposizione di edizioni pregiate opere di narrativa e trattatistica sul vino e di almanacchi (XIX).

Ristoranti Vicino Perugia   Book now
Offerta Speciale Pasqua

Trascorri la Pasqua con noi!

From: €60.00 Prenota ora
Ristoranti Vicino Perugia

Ristoranti Vicino Perugia

Ristoranti Vicino Perugia

Ristoranti Vicino Perugia
Ristoranti Vicino Perugia   Ristoranti Vicino Perugia
Ristoranti Vicino Perugia   Ristoranti Vicino Perugia

Vega Hotel - Strada di Montalcino, 2/a - 06135 Ponte Valleceppi – Perugia - Umbria – Italia - Tel. +39 075 6929534 - Fax +39 075 6929507
Skype: vega.hotel - info@hotelvegaperugia.com - www.vegahotel.net - www.hotelvegaperugia.com

Copyright ® 2014 - Tutti i diritti riservati
Hotel by InYourLife

Ristoranti Vicino Perugia      Ristoranti Vicino Perugia
Ristoranti Vicino Perugia
Enoturismo
Le eccellenze e le tradizioni enogastronomiche contraddistinguono da sempre l’Umbria, che è terra di profumi e sapori che si perdono nella storia. Tra queste eccellenze, il vino (insieme anche all’olio) è sicuramente una delle migliori espressioni della nostra fertile terra, che ci piace condividere con chi viene a visitarci.  

Dalla pubblicazione “L’Olivino – Cultura del vino, della vite, dell’olio e dell’olivo” – 2012:
“ Le condizioni oggettivamente favorevoli per la coltivazione della vite in Umbria hanno fatto sì che sin da tempi antichissimi, le popolazioni che abitavano queste terre, si dedicassero alla produzione di vino.
Numerosi ritrovamenti archeologici testimoniano come gli Etruschi e gli Umbri, che occupavano rispettivamente la parte destra e sinistra del fiume Tevere, fossero dediti alla viticoltura ben prima dell'arrivo dei Romani. Anche se il primo vero impulso forse arrivò con Roma. Infatti è dalla zona di Orvieto, ancora oggi una delle più interessanti realtà produttive umbre, che giornalmente partivano carichi di vino destinati al mercato romano in particolar modo destinati alla corte dei Papi. La vite veniva allevata con il sistema del tutore vivo (vite maritata), ovvero sostenuta da un albero, in genere olmo o acero campestre. Grazie a questo sistema i tralci, invece di essere potati, cadevano liberamente verso il suolo.
Ancora oggi non è difficile riconoscere eredità romana in qualche vecchia alberata, dove l'olmo potato a coppa (in Umbria si chiama "stucchio") sorregge la vite, alternato a piante di olivo.
Sin dai tempi antichi la viticoltura nella nostra regione ha conservato fino a qualche anno fa un aspetto decisamente tradizionale con una prevalenza della coltura promiscua, ma oggi gli impianti sono decisamente più razionali, convertiti in monocultura.
Recentemente, grazie alla rivalutazione dei vitigni autoctoni, le tecniche si sono andate sempre più perfezionando puntando, nella maggior parte della regione, alla valorizzazione dei vitigni tradizionali.

  Questi alcuni dei più importanti vitigni autoctoni a bacca bianca e a bacca rossa:  

All’interno della nostra regione esiste una miriade di percorsi e itinerari che si snodano lungo le nostre Strade del Vino, che sono ben quattro:
Le  Strade del Vino sono una realtà di tutela e valorizzazione delle aree vitivinicole che, attraverso il recupero delle tradizioni rurali, salvaguardano il patrimonio socio-enogastronomico del territorio.
Le Strade del Vino animano i 'distretti rurali', valorizzando oltre al vino le altre produzioni tipiche e di qualità, senza dimenticare  arte, ambiente, cultura ed artigianato artistico.
Grazie a queste associazioni potrete conoscere l’Umbria anche attraverso i frutti della terra e la produzione di vini d’eccellenza: le varie Strade, come già detto, organizzano tour e viaggi enogastronomici con degustazioni di vini e prodotti tipici locali.

Il Movimento Turismo del Vino, nato nel 1993, è un'associazione no profit che annovera circa 1000 fra le più prestigiose cantine d'Italia, selezionate sulla base di specifici requisiti. Primo fra tutti, quello della qualità dell'accoglienza enoturistica. Con il suo impegno costante il Movimento Turismo del Vino mira ad accrescere il settore enoturistico nazionale, che rappresenta una risorsa economica fondamentale per lo sviluppo dei territori ed un efficace strumento per la tutela dell’ambiente. Anche in Umbria è presente il Movimento Turismo del Vino, che consta di ben 61 cantine associate e del Coordinamento delle strade del vino e dell’olio dell’Umbria.

Anche sul sito www.mtvumbria.it potrete trovare tanti spunti per itinerari e visite, sempre legati al vino e al suo territorio.   


MUVIT – Museo del Vino (Torgiano)

Nato da un’idea di Giorgio Lungarotti e curato dalla moglie Maria Grazia Marchetti, situato nel seicentesco palazzo Graziani Baglioni, nel centro di Torgiano, costituisce una meta imprescindibile per quanti – amanti dell’arte, della cultura e del buon vivere – desiderino conoscere e approfondire la storia e la civiltà del vino.
Con l’incanto delle sue collezioni e il rigore della ricerca storica e dell’impostazione museografica, il Museo del Vino contribuisce alla diffusione di una cultura per il consumo consapevole del vino.
In 20 sale sono esposti oltre 2.800 manufatti di archeologia, ceramica, grafica, editoria antiquaria e altre testimonianze di arti minori che documentano la centralità del vino nella cultura mediterranea, la sua cultura, la sua storia, il suo rapporto con l’alimentazione, la farmacia, il mito, a partire dal III millennio a.C. fino ai nostri giorni.
Il materiale è esposto per aree tematiche. La visita inizia con una carrellata sulle origini mediorientali della viticoltura, e sulla sua espansione nel bacino del Mediterraneo (I sala). Sono quindi presenti vari reperti archeologici, che vanno dall’età del bronzo all’età tardo-antica, tra i quali una kylix attribuita al Pittore di Phrynos, del gruppo dei Piccoli maestri.
Nelle sale successive (dalla II alla VIII) vengono illustrate le tecniche vitivinicole in voga nell’Umbria. Il ciclo annuale viticolo e le tecniche tradizionali di esecuzione sono documentati da una notevole serie di attrezzi ed arnesi da lavoro. Molto ricca è anche la parte che illustra le occasioni ed i luoghi del bere. Nel seminterrato del palazzo è ospitata una grande sala dedicata alla vinificazione, che accoglie grandi torchi, distillatori, un calderone, un’imbottigliatrice, olle di terracotta. Una saletta (VI) illustra le varie fasi di lavorazione del “Vino Santo”, vino passito che in Umbria accompagna per antica tradizione le ricorrenze festive del calendario familiare. Segue una sala (VII) in cui vengono ricordati i vari mestieri collegati alla viticoltura (bottai, bigonciari, fabbri, funari, cestari, ecc.), con una cospicua collezione di attrezzi. Dopo una sala dedicata alla regolamentazione del tempo di vendemmia, dell’uso e del commercio del vino (VIII), si passa a due locali dedicati specificamente all’artigianato e alla viticoltura a Torgiano (IX-X).

Nelle sale successive (XI-XV) l’attenzione si concentra su una vasta raccolta di antichi contenitori vinari in ceramica, originari delle più famose zone di produzione italiane. La classificazione tematica suddivide le ceramiche esposte nei tre settori del “vino come alimento” (misure, bottiglie, ecc.), del “vino come medicamento” (versatoi, albarelli, unguentari da farmacia, mortai, vasi farmaceutici), del “vino e il mito” (istoriati, tra i quali opere di Mastro Giorgio Andreoli, plastici, tra cui un notevole busto di Bacco attribuito a Girolamo Della Robbia, decori simbolici, legati in buona parte alla personalità enigmatica di Dionysos/Bacco).
In una sala successiva (XVI) è poi possibile ammirare un’importante collezione di ferri da cialda, utili alla preparazione di sottili biscotti che solitamente accompagnavano l’offerta di Vin Santo.
Segue una ricca collezione di incisioni e di disegni a tema dionisiaco (XVII), composta da circa 600 opere tra le quali compaiono incisioni di Mantegna, Carracci, Guttuso e Picasso. Dopo una sala dedicata agli ex libris in argomento (XVIII), la visita si conclude con l’esposizione di edizioni pregiate opere di narrativa e trattatistica sul vino e di almanacchi (XIX).

Prenota Ora e Risparmia
Offerta Speciale Pasqua

Trascorri la Pasqua con noi!

From: €60.00 Prenota ora
<br />
<b>Warning</b>:  include(_ext/include/alt.php) [<a href='function.include'>function.include</a>]: failed to open stream: No such file or directory in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>807</b><br />
<br />
<b>Warning</b>:  include(_ext/include/alt.php) [<a href='function.include'>function.include</a>]: failed to open stream: No such file or directory in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>807</b><br />
<br />
<b>Warning</b>:  include() [<a href='function.include'>function.include</a>]: Failed opening '_ext/include/alt.php' for inclusion (include_path='.:/usr/share/php:/usr/share/pear') in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>807</b><br />
  Book now
<br />
<b>Warning</b>:  include(_ext/include/alt.php) [<a href='function.include'>function.include</a>]: failed to open stream: No such file or directory in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>810</b><br />
<br />
<b>Warning</b>:  include(_ext/include/alt.php) [<a href='function.include'>function.include</a>]: failed to open stream: No such file or directory in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>810</b><br />
<br />
<b>Warning</b>:  include() [<a href='function.include'>function.include</a>]: Failed opening '_ext/include/alt.php' for inclusion (include_path='.:/usr/share/php:/usr/share/pear') in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>810</b><br />
  Offerte speciali
<br />
<b>Warning</b>:  include(_ext/include/alt.php) [<a href='function.include'>function.include</a>]: failed to open stream: No such file or directory in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>897</b><br />
<br />
<b>Warning</b>:  include(_ext/include/alt.php) [<a href='function.include'>function.include</a>]: failed to open stream: No such file or directory in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>897</b><br />
<br />
<b>Warning</b>:  include() [<a href='function.include'>function.include</a>]: Failed opening '_ext/include/alt.php' for inclusion (include_path='.:/usr/share/php:/usr/share/pear') in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>897</b><br />
  Book now
Prenota Ora e Risparmia
Offerta Speciale Pasqua

Trascorri la Pasqua con noi!

From: €60.00 Prenota ora
<br />
<b>Warning</b>:  include(_ext/include/alt.php) [<a href='function.include'>function.include</a>]: failed to open stream: No such file or directory in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>904</b><br />
<br />
<b>Warning</b>:  include(_ext/include/alt.php) [<a href='function.include'>function.include</a>]: failed to open stream: No such file or directory in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>904</b><br />
<br />
<b>Warning</b>:  include() [<a href='function.include'>function.include</a>]: Failed opening '_ext/include/alt.php' for inclusion (include_path='.:/usr/share/php:/usr/share/pear') in <b>/home/vegahotel/public_html/it/ristoranti-vicino-perugia.php</b> on line <b>904</b><br />
  Offerte speciali
Ristoranti Vicino Perugia  Ristoranti Vicino Perugia  Ristoranti Vicino Perugia

Ristoranti Vicino Perugia   Ristoranti Vicino Perugia
Ristoranti Vicino Perugia   Ristoranti Vicino Perugia

Vega Hotel - Strada di Montalcino, 2/a - 06135 Ponte Valleceppi – Perugia - Umbria – Italia - Tel. +39 075 6929534 - Fax +39 075 6929507
Skype: vega.hotel - info@hotelvegaperugia.com - www.vegahotel.net - www.hotelvegaperugia.com

Copyright ® 2014 - Tutti i diritti riservati
Hotel by InYourLife

Ristoranti Vicino Perugia      Ristoranti Vicino Perugia